Aogashima, l’isola paradisiaca disabitata. Ma un motivo c’è.

Aogashima, l’isola paradisiaca disabitata. Ma un motivo c’è.

Aogashima è una piccola isola tropicale vulcanica nel Mar delle Filippine, e pur risultando distante oltre 350 km dalla capitale giapponese, viene amministrata da Tokyo. È l’isola più meridionale e la più isolata abitata dell’arcipelago Izu.

Ad Aogashima è presente un grande vulcano che contiene.. un altro vulcano più piccolo. Il Vulcano è ancora considerato attivo – Classe c – anche se l’utilma eruzione c’è stata nel 1780.

L’isola è quasi completamente disabitata. Nell’utilma eruzione infatti morì almeno la metà della popolazione che abitava l’isola, e ci vollero oltre 50 anni per far tornare alcuni impavidi ad abitare questa bellissima – ma spaventosa – isola. Oggi la popolazione conta circa 200 abitanti.

Situata nella regione di Kuroshio in pieno mare aperto, è un luogo pericoloso pwerchè è da qui che partono numerosi maremoti. L’isola è praticamente irraggiungibile, visto che non esistono moli dove attraccare. L’unico modo è forse servirsi del noleggio elicottero che mette a disposizione Tokyo Island con un servizio navetta, elicottero che decolla una sola volta al giorno – trasportando un massimo di 9 passeggeri – da Hachijojima, un altra isola che dista circa 60 km in linea d’aria.

Aogashima elicottero Al centro dell’isola si trova una caratteristica struttura pubblica che utilizza l’energia geotermica ed il gas per attività di cucina e di igiene personale (con la presenza di bagno pubblico, docce calde e sauna). Non ci si può stupire se le specialità dell’isola sono patate, uova e Verdure fresche al vapore.

Ad Aogashima è presenta anche una scuola, che ospita circa 25 bambini. Gli studenti possono restare fino all’ eta di quindici anni. Quella è infatti l’eta de raggiungimento della scuola superiore, che non è presente sull’isola. Praticamente impossibile quindi il cambio generazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *