Maldive, rivoluzione “ecologica”

Le Maldive si apprestano a diventare il primo paese  davvero ecologico, programmando una serie di interventi legati all’ambiente, cercando di diventare a tutti gli effetti un paese ad impatto “ZERO”.

Il Presidente degli atolli posizionati nell’oceano Indiano Mohamed Nasheed infatti,  come anticipato dal quotidiano inglese “Guardian” on line, ha annunciato un piano esecutivo per intervenire, anche a fronte di una serie di nuove ricerche che alcuni studiosi inglesi ( Chris Goodall e Mark Lynas) hanno portato a sua conoscenza. Ricordiamo che le Maldive, con i suoi 385.000 abitanti,  hanno per conformazione terre al di sopra del livello del mare di soli due metri. E’ chiaro che mutazioni climatiche particolarmente aggressive (ma annunciate in tutto il mondo) porterebbero a gravi problemi per i turisti certo, ma in primis per gli abitanti stessi, che vedrebbero cancellate le proprie terre , le proprie case.

Mohamed Nasheed ed il suo team hanno lavorato su un pacchetto di misure che potrebbero virtualmente eliminare l’uso di carbonio, e qualsiasi tipo di gas nocivo sulla Maldive, entro il 2020.

Vediamo nello specifico la scaletta degli interventi sull’arcipelago delle Maldive:

L’intervento previsto potrebbe avere un costo annuon indicato in circa 110 milioni di dollari. Facile prevedere che quei soldi non sarebbero tutti a carico del paese. La maggior parte, una volta andati a regime, proverrebbero dai risparmi legati sull”importazione di idrocarburi per produrre corrente, alimentare mezzi privati e pubblici.

La sfida è importante,  ed il Presidente lo capisce bene quando dice che non sarà facile da affrontare, che potrebbero esserci alcuni scompensai legati all’erogazione di servizi come l’alettricità, che potrebbe arrivare a sinhghiozzo. Ma è una sfida che dovremmo affrontare tutti…

Nasheed ha inoltre dichiarato: “Il cambiamento climatico è una situazione di emergenza mondiale. Il mondo è in pericolo di arresto cardiaco, ma continuiamo a comprtarci come se stessimo curando un comune raffreddore. Oggi le Maldive annunciano un piano per diventare il primo paese davvero all’avanguardia. La mia speranza è che molti altri paesi possano seguire il nostro esempio”

Un primo passo fatto da un paese che conta un numero di abitanti appena superiore ad una nostra città come Bologna. Speriamo solo possa essere un segnale che arrivi forte a tutto il resto del mondo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *