Passeggiando in bicicletta…

Passeggiando in bicicletta…

Con l’arrivo della primavera , del sole e del primo timido caldo, tantissimi tolgono dal garage la loro bicicletta per la passeggiata domenicale, oppure chi ha la fortuna di lavorare vicino all’ abitazione, per cercare un po’ di forma fisica, persa magari durante i mesi freddi ed invernali. Questa è la massa.

Poi , ci sono loro, quelli veri, i biker, che nonostante pioggia, freddo e gelo, loro non rinunciano mai alle loro due ruote, e pedalano ..pedalano..pedalano!

Prima all’estero, ma ora ne troviamo diversi anche in Italia, nascono i bikercafè, dedicati proprio ai pit-stop rigeneranti degli viaggiatori su due ruote e urban biker.

Un po’ bistrot, un po’ officina e all’occorrenza “negozio” per scegliere una nuova bici fiammante (ma non chiamatelo così davanti agli ideatori perché potrebbero arrabbiarsi!), che con la passione e la profonda conoscenza di questo mercato, hanno voluto creare qualcosa di unico, che unisse tutti gli appassionati per questo mondo, che fosse un punto di incontro dove poter condividere esperienze, magari, perché no, farsi amici per nuove avventure, scegliere il prodotto giusto consigliati da persone altamente competenti. Insomma molto di più che un semplice ambiente dove recuperare attrezzature, ma una vera e propria “tribù” di persone che vivono la bici in maniera totale.

E poi, magari, mentre ci gonfiano le ruote, farsi uno spuntino bio e bersi un caffè.

Il primo locale a misura di biker è berlinese. Si chiama Keirin cycle culture café e a fondarlo, nel 2004, sono stati due amici con la voglia di condividere la passione per la bici davanti a una tazzina di espresso rigorosamente italiano. Ma intanto anche a Londra si sono moltiplicati bike café molto trendy dove trovare bici nuove e usate da comprare, fermarsi per riparare la propria, per mangiare qualcosa o bere una buona birra. Tra i locali  più gettonati  LookMumNoHands, il Mud-dock, il Lock-7.

Keirin cycle culture café

Keirin cycle culture café

In casa nostra invece, in Italia, L’ultimo nato, a Milano, è l’Upcycle. Upcycling che vuol dire riconvertire materiali di scarto ed è proprio quello che hanno fatto i fondatori del locale ridando nuova vita a un ex garage creando un ritrovo biker che oggi è anche un luogo di dibattito sui temi della sostenibilità. Un esempio? Da qui è passato a raccontare la sua avventura Claude Marthaler, il ciclonauta svizzero che ha fatto il giro del mondo in bici in sette anni.

Upcycle Milano

Upcycle Milano

 

Tra i primi bike bar poi, c’è il BikeCafé di Pinerolo.  Nel cuore dell’Emilia, a Collecchio, c’è il BikeCafé Shop, fermata molto apprezzata dai viaggiatori su due ruote.

Bikers di tutta Italia, pronti partenza viaaaa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *