Santuario della Madonna di Porto Salvo

Santuario della Madonna di Porto Salvo

Se vi recate in vacanza a Lampedusa, una tappa fondamentale per immergersi nella storia dell’isola è di certo il Santuario della Madonna di Porto Salvo, un piccolo santuario dalle origini antiche. Si hanno notizie già dal 1202 – quindi al tempo della quarta crociata – e si possono approfondire nella relazione che il governatore Bernardo Maria Sansivente invia a Ferdinando li in quella parte in cui dice: “Nel Vallone della Madonna eravi una chiesetta con antichi abituri una casa diroccata e diverse grotte. Nella chiesetta, che trovai in meschino stato, eravi una statua della Vergine mutilata e gettala al suolo.”

Nella relazione il governatore scrisse che dopo essere sbarcati sull’isola videro la chiesetta era posta in una grotta e divisa in due sezioni, molto probabilmente per suddividere le funzioni di tipo cattolico e quelle di moschea maomettana. Un sistema semplice e diretto per far convivere sull’isola le più importanti religioni conosciute.

Purtroppo durante la seconda guerra mondiale il santuario venne bombardato e certamente rovinato da una pioggia di colpi, lasciando però indenne la statua della madonna… Il bombardamento non fece vittime quel giorno.

Il 22 di Settembre di ogni anno l’isola si abbellisce per la Festa della Madonna di Porto Salvo, patrona dell’isola di Lampedusa e protettrice dei pescatori. La prima domenica di Settembre il Simulacro viene accompagnato processionalmente dal Santuario a Lei dedicato sino alla Chiesa Madre.

festa-madonna-porto-salvo-l

La processione attraversa le principali vie dell’isola per poi il 23 dello stesso mese viene riportato il Simulacro alla piccola chiesetta nelle vicinanze di Cala Madonna. La data del 22 Settembre è una ricorrenza simbolica in quanto nella stessa occasione coincide la celebrazione della nascita della comunità lampedusana per volontà del cavaliere Bernardo Maria Sanvisente nel 1843.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *