Perdita bagaglio e responsabilità, che fare

Perdita bagaglio e responsabilità, che fare

Responsabilità relativa al bagaglio

E’ L’incubo di ogni viaggiatore, la perdita del proprio bagaglio! Vediamo come dobbiamo comportarci in caso di smarrimento oppure di ritardo nella consegna, in alcuni casi la tempestività nella comunicazione è fondamentale.

– TRASPORTI INTERNAZIONALI (Convenzione di Varsavia del 1929 e protocolli aggiuntivi)
Per lo smarrimento o i danni al bagaglio registrato (consegnato al momento dell’accettazione) il passeggero ha diritto, da parte della compagnia aerea, a un risarcimento fino a 17 Diritti Speciali di Prelievo (DSP)* – circa € 24 per chilogrammo – salvo il caso di maggiore dichiarazione di valore.
Per lo smarrimento o i danni al bagaglio a mano, solo nel caso in cui si rilevi la responsabilità della compagnia, il passeggero ha diritto a un risarcimento fino a 332 DSP* – circa € 461 – per passeggero.

– TRASPORTI NAZIONALI (Codice della navigazione, leggi e disposizioni successive)
Per lo smarrimento o i danni al bagaglio registrato il passeggero ha diritto, da parte della compagnia aerea, a un risarcimento fino a € 222,08 per ciascun bagaglio registrato, oppure fino a € 17,04 per chilogrammo, salvo il caso di maggiore dichiarazione di valore.
Per lo smarrimento o i danni al bagaglio a mano, solo nel caso in cui si rilevi la responsabilità della compagnia, il passeggero ha diritto ad un risarcimento fino a € 1007,09 per passeggero.

MODALITÀ PER I RECLAMI RELATIVI AL BAGAGLIO
La contestazione relativa al bagaglio registrato deve essere scritta e immediata all’atto della riconsegna o al momento in cui la riconsegna doveva avvenire e deve essere effettuata su appositi moduli (PIR – Property Irregularity Reports), disponibili presso l’assistenza bagagli, la compagnia aerea o il gestore aeroportuale.

Il reclamo scritto deve essere presentato alla compagnia, a pena di decadenza
– per il traffico nazionale:
entro 3 giorni dalla constatazione per i casi di danneggiamento;
entro 14 giorni dalla riconsegna per i casi di ritardo;
– per il traffico internazionale:
entro 7 giorni dalla constatazione per i casi di danneggiamento;
entro 21 giorni dalla riconsegna per i casi di ritardo.

I danni occulti devono essere denunciati alla compagnia, a pena di decadenza
– per il traffico nazionale, entro 3 giorni dalla riconsegna;
– per il traffico internazionale, entro 7 giorni dalla riconsegna.

Per i reclami per danni al “bagaglio non registrato”, il diritto al risarcimento si prescrive:
– per il traffico nazionale, entro sei mesi dall’arrivo a destinazione e comunque il passeggero ha l’onere di dimostrare che il danno è stato determinato da causa imputabile alla compagnia;
– per il traffico internazionale, entro due anni dall’arrivo a destinazione.

Per i reclami per danni al “bagaglio registrato”, il diritto al risarcimento si prescrive:
– per il traffico nazionale, entro un anno dalla riconsegna (la compagnia è responsabile, a meno che non provi che essa, i suoi dipendenti e i preposti abbiano diligentemente adottato tutte le misure necessarie e possibili per evitare il danno);
– per il traffico internazionale, entro due anni dalla riconsegna (la compagnia è responsabile a meno che non provi che essa e i propri ausiliari abbiano diligentemente adottato tutte le misure necessarie e possibili per evitare il danno).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *